AL VIA LA STAGIONE TEATRALE 2016-17 CON “MISTERO BUFFO”A MELFI E “ROBERTO ZUCCO” AD OPPIDO LUCANO

Sabato 3 dicembre in contemporanea a Melfi e Oppido Lucano parte la Stagione Teatrale 2016-2017 “Il teatro. Liberi d’interpretare”, realizzata dal consorzio Teatri Uniti di Basilicata, che con oltre cento spettacoli in programma coinvolge tredici comuni lucani.

Sul palcoscenico del Teatro Ruggiero di Melfi, alle ore 21, Ugo Dighero propone “Mistero buffo”, mentre il sipario del Teatro Obadiah di Oppido Lucano si aprirà con lo spettacolo “Roberto Zucco” di Bernard-Marie Koltès.

A Melfi Ugo Dighero propone due grandi monologhi di Dario Fo rivisti nella sua chiave personale: “Il primo miracolo di Gesù bambino” e “La parpàja topola”. Si tratta di due tra i brani più famosi del repertorio di Fo che uniscono un grande divertimento ad un forte contenuto, il tutto condito con la leggerezza e la poesia tipici dei racconti dell’autore italiano più rappresentato nel mondo.

Il ritmo incalzante e l’interpretazione simultanea di tutti i personaggi delle due storie, consentono a Dighero di mettere in campo tutte le sue capacità attoriali dando vita ad una galoppata teatrale che lascia senza fiato. Il linguaggio utilizzato da Dario Fo per la narrazione di questi due monologhi non è una semplice rivisitazione del dialetto, ma un’autentica creazione originale dell’autore che si basa sulla conoscenza approfondita delle morfologie e delle ritmiche dialettali e sulla consapevolezza di uno strumento linguistico elaborato dagli antichi giullari. Una vera e propria maratona recitativa per l’attore genovese,  che facendo leva su una commistione di movenze, mimica facciale e umorismo, determinano la bellezza del monologo, e permettono al protagonista di dare mostra delle sue indubbie doti attoriali. “Mistero buffo” è una produzione Teatro dell’Archivolto, distribuita da PigrecoDelta.

A Oppido Lucano lo spettacolo “Roberto Zucco” con la regia di Tanino De Rosa, porta in scena il personaggio “nemico della società” descritto dallo straordinario drammaturgo francese Bernard-Marie Koltès. Un ragazzo veneto realmente esistito che negli anni ’80 ha seminato il panico in Italia e in Francia, uccidendo tra gli altri il padre e la madre, un paio di poliziotti, un paio di ragazze e alcune altre persone capitate accidentalmente sulla sua strada.

Il dramma descrive il panico della gente comune nella “caccia grossa” di quegli anni difficili, ma anche l’attenzione morbosa dell’opinione pubblica e la fascinazione del male rivolta verso quel serial-killer quasi dostoevskiano. Koltès  segue poco la cronaca e costruisce mitologicamente, come in una tragedia greca, il personaggio centrale senza speranza e l’intera società che gira intorno a lui, addosso a lui, secondo le maschere ordinarie di rappresentanza.

In scena Matteo Baschieri, Andrea Dugoni, Alessia Pusca, Cristiana Raggi e Leonardo Ventura. Lo spettacolo è una produzione Festival Citta’ Delle 100 Scale e Aviapervia Produzioni Multimediali.

La Stagione Teatrale 2016-2017 “Il teatro. Liberi d’interpretare” realizzata dal consorzio Teatri Uniti di Basilicata, con il sostegno del Mibact , Regione Basilicata e dei tredici Comuni che la ospitano, ha l’obiettivo di portare il teatro anche nelle piccole comunità della regione, rendendolo riferimento culturale per l’intero territorio.

Il consorzio Teatri Uniti di Basilicata aderisce all’iniziativa  dedicata a promuovere la cultura “18app”, a cura del Mibact e della Presidenza del Consiglio dei Ministri, destinata ai ragazzi che compiono 18 anni nel 2016, che hanno diritto ad un bonus di 500€ spendibile in attività culturali.

È online la campagna abbonamenti, che prevede tariffe e pacchetti creati per soddisfare le differenti esigenze del pubblico sempre più eterogeneo per fasce d’età e preferenze artistiche. Per maggiori informazioni e prevendita www.teatriunitidibasilicata.it.

News

IL NUOVO VANGELO: Performance pubblica e live shooting

55 anni dopo Pasolini il regista svizzero Milo Rau torna alle radici del Vangelo e mette in scena la Passione di un’intera civiltà. Cosa predicherebbe Gesù nel XXI° secolo? Chi sarebbero i suoi discepoli? E come reagirebbero gli attuali detentori del potere temporale e spirituale al ritorno del più influente profeta e rivoluzionario nella storia… Mostra articolo

Mercoledì 11 settembre 2019 ore 17:00 | Le Monacelle, Matera

IL NUOVO VANGELO di Milo Rau Mercoledì 11 settembre 2019 ore 17:00 | Le Monacelle, MateraIncontro con Milo Rau, Yvan Sagnet, Enrique Irazoqui, Maia Morgenstern ore 19:30 Proiezione del film IL VANGELO SECONDO MATTEO di Pier Paolo Pasolini Ingresso libero, fino esaurimento posti   L’11 settembre alle Monacelle nell’ambito di “Tòpoi. Teatro e nuovi miti”,… Mostra articolo

CHIAMATA PUBBLICA per il progetto di film e teatro “Il Nuovo Vangelo” di Milo Rau / IIPM

CASTING: 21.8.-22.8.2019 Fondazione Matera-Basilicata 2019 CASTING: 21.8.-22.8.2019 Fondazione Matera-Basilicata 2019 presso spazi Fondazione Matera-Basilicata 2019 – Via Casale – Sasso Barisano. 26.08.2019 (luogo in definizione) Cosa predicherebbe Gesù nel XXI° secolo? Chi sarebbero i suoi discepoli? E come reagirebbero gli attuali detentori del potere temporale e spirituale al ritorno del più influente profeta e rivoluzionario… Mostra articolo

Comunicato Stampa – IL NUOVO VANGELO

 COMUNICATO STAMPA IL NUOVO VANGELO  UN PROGETTO DI TEATRO E FILM DI MILO RAU  > 06 GIUGNO 2019, 19:30, MATERA  PRESENTAZIONE DEL PROGETTO „IL NUOVO VANGELO“ E DEI PROTAGONISTI, SEGUE LA PROIEZIONE DEL FILM „THE CONGO TRIBUNAL“ DI MILO RAU.  > 28 SETTEMBRE 2019, MATERA  INGRESSO A GERUSALEMME – PERFORMANCE PUBBLICA  > 5-6 OTTOBRE 2019,… Mostra articolo

Newsletter

Cosa Aspetti? iscriviti per rimanere aggiornato sugli spettacoli teatrali.
Inserisci la tua email:

Privacy Policy

TubTV

Teatri Uniti di Basilicata. La danza protagonista dell’estate lucana