INFERNI FRAGILI

testo e regia di Antonio De Rosa
con Simone Castano, Eva Immediato, Antonio Palumbo, Manola Rotunno
musiche Rocco De Rosa
scenografia Carmen Santoro
luci Tonino Lioi
assistente alla regia Samantha Lioi
datore Luci Rocco Guglielmo
Produzione Aviapervia

Inferni fragili è il secondo studio di The architecture of violence, progetto teatrale nato da una riflessione sull’architettura della violenza ovvero sulla costruzione di spazi innaturali e repressivi, pensati foucoltianamente quali strumenti di potere. Di tali edificazioni e del loro pervertimento sono vittime i fragili, i diversi, i reclusi, protagonisti di una trilogia costituita da Se le bambole potessero parlare (1), Inferni fragili (2) e The architecture of violence (3); in cui, senza escludere il peso della parola, si celebra innanzi tutto il malessere e la tragedia del corpo ingabbiato-seviziato perché impari la disciplina.Inferni fragili è ambientato in una casa-famiglia per malati di mente. Sotto l’occhio spietato di Principia, responsabile della comunità, intenta a insegnare agli ospiti la disciplina, tre matti, Vito, Splendore e Angelo, passano il tempo nella loro abitazione, una specie di chiostro o prigione, che ha forma di cantiere-gabbia con impalcature di tubi. Vito è uno scrittore fallito: afflitto dall’astenia e dalla tristezza, cerca la via per allontanarsi dalla casa che immagina come un labirinto, tracciando sul pavimento linee e frecce con un pezzo di gesso, prendendo appunti su fogli di carta sgualcita, infilando nelle crepe di una parete, una sorta di muro del pianto, pezzi di carta su cui scrive semplici parole. Angelo, interessato da un eccesso di libido e dal delirante convincimento di essere un angelo custode, nella fattispecie di Vito, ex consumatore di coca che ormai dispone solo di farina, ama fare il funambolo sui tetti (le impalcature). Splendore, ambiguamente corteggiata da Principia, è invece tormentata da un’ossessione amorosa per Vito e disposta a tutto pur di sottrarlo allo studio angoscioso di percorsi che non lo indirizzano mai verso l’uscita; di solito osserva il suo uomo in uno specchio, temendo di non trovarlo qualora dovesse guardare direttamente. Dopo una teatrale impiccagione di Splendore, che con il suo gesto vuole spingere Vito a lasciare definitivamente la casa, Principia finisce vittima di quest’ultimo: identificata come carnefice (Minotauro), ritenuta responsabile della tragedia che si è da poco consumata, viene apparentemente strangolata, per terra, a conclusione di un bizzarro tango-corrida in cui assai labili sono risultati i confini tra violenza e sesso. Quando, inaspettatamente, Principia si rialza, si ricompone e colpisce con disprezzo la guancia di Vito, l’esistenza dei matti appare nella luce amara di un destino immutabile. A Vito, prima che Principia confermi il suo potere con divieti simili a quelli con cui ha dato avvio al dramma, rimane la pena di un ultimo pensiero: «Amore. Odio. Disciplina. Solo un corpo che vuole impossessarsi di un altro corpo». Nello spettacolo, riduzione teatrale dell’omonimo romanzo di Antonio De Rosa, pubblicato per i tipi di Aviapervia produzioni multimediali nel 2013, tragedia cruda e commedia buffa, violenza e situazioni grottesche si intrecciano in una lotta a nervi scoperti tra l’individuo in trappola e il Potere (Principia), impegnato, quest’ultimo, in un controllo disumano delle menti e dei corpi. Il tutto in uno spazio in cui non è mai netta la frontiera tra realtà e illusione, dove il mondo si rivela a tratti in tutta la sua inconsistenza, una dolorosa rappresentazione, un inferno fragile, per l’appunto. Scritto e diretto da Antonio De Rosa, lo spettacolo, sostenuto dall’Ufficio Sistemi Culturali e Turistici della Regione Basilicata, con il patrocinio del Comune di Oppido Lucano, frutto di un felice incontro di artisti lucani, vede in scena Simone Castano (Vito), Eva Immediato (Splendore), Antonio Palumbo (Angelo) e Manola Rotunno (Principia). Le musiche sono del pianista e compositore Rocco De Rosa. La scenografia è di Carmen Santoro. Le luci sono di Tonino Lioi. La produzione è di Aviapervia srl di Oppido Lucano.

Data Ore Città Teatro Biglietti
13/11/2017 21:00 Potenza Teatro F. Stabile Biglietti

News

SPETTACOLO FUORI ABBONAMENTO: ITACA

Il Consorzio Teatri uniti di Basilicata presenta uno spettacolo fuori abbonamento: “Itaca” con  protagonista l’attore Lino Guanciale, con le musiche e la regia di Davide Cavuti, prodotto da Stefano Francioni produzioni. E’un viaggio immaginario che parte dall’isola di Itaca e attraversa le storie, i luoghi di tanti personaggi del teatro e del cinema, disegnando uno… Mostra articolo

PROMOZIONE SPECIALE TUB AL PETRUZZELLI DI BARI

PROMOZIONE SPECIALE PER IL PUBBLICO DEI TEATRI UNITI DI BASILICATA Costo speciale € 15  BARI, TEATRO PETRUZZELLI  Sabato 3 febbraio ore 21 e domenica 4 febbraio ore 18   In Esclusiva Regionale per la Puglia   Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa, Atto Unico / Compagnia Sud Costa Occidentale, Teatro Biondo di Palermo, Festival… Mostra articolo

PRESENTAZIONE DELLA STAGIONE TEATRALE 2018 “TEATRO, GUARDARE VENDENDO”

Lunedì 15 gennaio, alle ore 18:00 nel nuovo foyer del Teatro Don Bosco di Potenza, si terrà la presentazione della Stagione Teatrale dal claim “Teatro, guardare vendendo”, scelto dal consorzio Teatri Uniti di Basilicata per il nuovo ciclo triennale regionale che coinvolgerà 26 comuni lucani. Teatro, Danza e Circo contemporaneo saranno i multiformi linguaggi che… Mostra articolo

TUB2018: TEATRO. GUARDARE VEDENDO

Teatro, guardare vendendo. Questo è il claim scelto dal consorzio Teatri Uniti di Basilicata per il nuovo ciclo triennale regionale. Teatro, Danza, Circo. Sono multiformi i linguaggi che accompagneranno la nuova proposta teatrale realizzata con il patrocinio della Regione Basilicata, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del turismo, la collaborazione di… Mostra articolo

Newsletter

Cosa Aspetti? iscriviti per rimanere aggiornato sugli spettacoli teatrali.
Inserisci la tua email:

TubTV

TUBtv: ANFITRIONE di Teresa Ludovico